• 1° Meeting

    1° Meeting | #AlfistiRomani

  • Week-end Alfisti Romani

    Week-end Alfisti Romani

  • Quadrifoglio CUP

    Quadrifoglio CUP | #QCUP2017

  • Trofeo Amici in Alfa

    Trofeo Amici in Alfa | #TrofeoAmiciInAlfa

  • Quadrifoglio CUP

    Quadrifoglio CUP | #QCUP2017

  • Trofeo Amici in Alfa

    Trofeo Amici in Alfa | #TrofeoAmiciInAlfa

  • Alfisti Romani a Vallelunga

    Alfisti Romani a Vallelunga

  • Week-end Alfisti Romani

    Week-end Alfisti Romani

  • Quadrifoglio CUP

    Quadrifoglio CUP | #QCUP2017

  • 1° Concorso Belle di Sera

    1° Concorso Belle di Sera | #ConcorsoBelleDiSera

Alfa Romeo 75 2.0 Twin Spark (1988)

Alfa Romeo 75 2.0 twin sparkAlfa Romeo: 75 2.000 cc Twin Spark
Anno: 1988
Colore: rosso Alfa
Socio: Marco Toma

Belle, veloci, sportive, filanti, aggressive. I loro motori con una melodia tanto gradevole quanto cattiva.

Queste erano le alfa che vedevo da bambino e di cui mi innamorai.

Una passione quindi nata da piccolo e maturata negli anni , quella passione che alla fine mi ha spinto ad acquistare l’auto di cui brevemente descrivo la storia.

Nella primavera del 2012 decisi di affiancare alla mia Alfa 147 da uso quotidiano un’Alfa storica e senza dire niente a nessuno cominciai le mie ricerche. Inizialmente ero mirato su : Alfetta 2000 anni ’80 o quadrifoglio oro, Giulietta 116 2.000 ultima serie, 75 twin spark o 1.8 Turbo.

Il pallino che ho sempre avuto per l'Alfa 75 fece si che le parentesi Alfetta e Giulietta si chiusero a breve. Dopo aver visionato e valutato un po’ di annunci, decisi di andare a vedere la prima 75. Era una twin spark dell’88 visibile a Frosinone, nell’annuncio non erano postate le foto ma c’era scritto che era una vettura da concorso (cosa che il venditore mi ribadì anche per telefono).

Aspettandomi di vedere una vettura in ottime condizioni, mi feci accompagnare da un amico per andare giù a visionarla.

Arrivati sul posto, già solo a vederla da lontano sarei voluto andar via subito!

Mascherina, parte superiore dei paraurti e specchietti verniciati con bomboletta spray, graffi dappertutto e - orrore! - il cielo era stato riattaccato con la pistola spara punti!

Rimasi nemmeno cinque minuti a vedere quello strano oggetto e poi liquidai il proprietario con un classico "semmai la richiamo".

Non passò molto tempo quando, dopo un’altra serie di annunci valutati su internet, decisi di andarne a visionare un’altra. Stavolta l’auto si trovava a Roma (la mia città) ed era sempre una Twin Spark del’88.

Accompagnato dallo stesso amico andai a vederla e questa volta mi trovai davanti a tutt’altra cosa: bella, di un bel colore rosso Alfa 130, tettino elettrico, cerchi speedline ed interni immacolati.

Non esente da qualche lavoro da fare, trattai il prezzo e nel giro di pochi giorni diventai il nuovo proprietario.

E’ sempre bello vedere un sogno diventare realtà, è uno dei beni della vita, come le passioni. La passione che si ha per qualcosa è un pezzetto di vita e quindi merita di essere coltivata.

Marco Toma